Contro l’immigrazione irregolare e lo ius soli

Contro l’immigrazione irregolare e lo ius soli

Negli ultimi anni è stata negata con ostinazione la presenza di un’emergenza in merito agli sbarchi di clandestini sulle coste italiane e all’immigrazione irregolare.

In realtà, i dati dell’UNCHR sono molto chiari: nel 2016 sono sbarcate in Europa 361.678 persone: di queste, 181.405 in Italia, 173.447 in Grecia. Nel 2015, in Italia erano arrivate 153 mila persone. Il nostro Paese, di fatto, è stato trasformato nel porto franco del Mediterraneo.

Anziché affrontare tale emergenza, si è assistito non solo alla demonizzazione di qualsiasi tipo di critica sulla gestione dei flussi migratori, ma al tentativo di rendere più semplici le procedure per l’ottenimento della cittadinanza.

Noi diciamo tre fermi “no”.

1) NO all’accoglienza indiscriminata “senza se e senza ma”. Espulsione dei clandestini e concessione di quote di immigrazione regolare attraverso il decreto flussi solo per nazionalità che hanno dimostrato di integrarsi e che non creano problemi di sicurezza.

2) NO alla concessione indiscriminata delle sedicente protezione umanitaria. Asilo solo per donne, bambini e nuclei familiari che fuggono veramente dalla guerra.

3) NO allo ius soli e a qualsiasi tipo d’automatismo per l’ottenimento della cittadinanza.

Questa è l’Italia sicura che vogliamo.

 

Condividi questo post

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi